Continua    
     
 
 
orrado d’Antiochia ebbe otto figli: Federico, Bartolomeo (arcivescovo di Palermo), Francesco (arcivescovo di Palermo), Costanza (sposò Bartolomeo della Scala), Imperatrice (sposò Federico della Scala), Corrado, Galvanus, Giovanna (sposò Cangrande della Scala). Il primo Federico ebbe un figlio di nome Corrado d’Antiochia. Questo ramo porta oggi il cognome di Caputo perché conte di Capizzi -arma:di rosso con testa di leopardo in maestà al naturale coronata d’oro con cimiero un braccio armato, tenente una testa di moro strappata.
Federico d’Antiochia, figlio di Federico II, sposò Margherita di Poli Romano, con la quale ebbe cinque figli: Corrado che sposò Beatrice Lancia, Filippa che sposò Manfred Markgraff Maletta, Maria che sposò Barnabo Malaspina, Federico che sposò la contessa d’Escolo della casa d’Aquino e Kinder. Filippa d’Antiochia, la nipote di Federico II e Giovanna I subirono la sorte dei suoi cugini per opera sempre dei Papi e Carlo III d’Angiò, furono imprigionate nel castello di Monte Sant’Angelo e strangolate una nel 1273 ed un’altra nel 1381?... .Gli eventi storici degli Antiochia evidenziano l’importanza del ramo della dinastia che fu perseguitata secondo la maledizione del papa. Gli Antiochia lottarono fino al 1500 per riprendere la corona del Regno di Sicilia( vediamo la guerra fatta a Pietro d’Aragona dai principi d’Antiochia affiancata dai conti Ventimiglia, loro cugini). Federico d’Antiochia, figlio dell’Imperatore, prima venne sepolto nella Cattedrale di Santa Lucia del Mela, “Qui Pietro III d’Aragona, (I di Sicilia) dopo i solenni funerali in cattedrale, avrebbe temporaneamente deposto il corpo di Federico d’Antiochia, figlio dell’Imperatore Federico II, in attesa d’essere poi trasportato nel Duomo di Palermo”. Federico d’Antiochia è l’unico dei figli a riposare accanto del padre nella cripta del Duomo di Palermo.
   
     
 
a Federico d’Antiochia e dalla contessa Margherita d’Escolo d’Aquino che ebbero cinque figli, nacque il casato che venne cognominato Barbaccia. Lo stemma del ramo Barbaccia è arma di rosso con tre teste al naturale: le prime due senza barba, quella in punta - con la barba, anche se successivamente hanno adottato l’arma di Costanza d’Altavilla: campo di rosso e di verde, cucito banda d’oro.
 
     
 
arlando del sangue imperiale degli Hohenstaufen lo storico Kantorovicz ha scritto:”Una grazia speciale è legata a tal sangue, poiché a coloro che ne scaturiscono è dato di sapere dei misteri del regno di Dio che gli altri possono contemplare solo attraverso immagini. È la casa divina dei Cesari romani che riappare con gli Hohenstaufen, la casa divina dei divi Augusti, la cui stella sempre riduce, che da Enea, il padre del popolo romano, attraverso Cesare conduce fino a Federico e a suoi discendenti, per diretta filiazione. Perciò i membri di questa casa imperiale sono detti divini”.
 
     
 

Arma del Gran Maestro dell’Ordine Teutonico

Arma dell’Imperatore Federico II
adottata dal Principe Paolo Francesco I

Arma di Federico d’Antiochia,
figlio dell’Imperatore Federico II

 
     
 

Arma della Casa Caputo,
Dinastia d’Antiochia dei Principi Svevi

Arma di Boemondo d’Altavilla, Principe d’Antiochia

Arma di Filippo I,
Re di Francia

 
     
 
   
 
1 - 2 - 3 - 4 - 5